Alimentazione e sonno: la ricetta per cadere nelle braccia di morfeo

sonni

Un buon riposo notturno dipende da diversi fattori; un ruolo importante è certamente giocato dall’alimentazione. Una recente indagine evidenzia quali alimenti sono utili a combattere l’insonnia e quali invece da evitare.

Verdura, frutta, carboidrati, uova e latticini: questi i cibi di elezione per assicurarsi un sonno benefico e duraturo. Alla sera è preferibile consumare pasta, riso, orzo e pane perché ricchi di triptofano, un aminoacido che stimola la sintesi della serotonina, il neurotrasmettitore cerebrale che favorisce il rilassamento. Via libera anche a legumi, uova bollite, carne, pesce, formaggi freschi. La serotonina aumenta con il consumo di alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce di stagione Tre le verdure invece preferire la lattuga, la zucca, le rape, i cavoli, il radicchio rosso e l’aglio.

Da non dimenticare anche i rimedi della nonna, primo tra tutti il classico bicchiere di latte caldo: anche questo alimento, grazie al triptofano contenuto, favorisce il rilassamento e il sonno Se poi il latte viene zuccherato il sonno è garantito, perché lo zucchero facilita l’assorbimento del triptofano.

Infine un piccolo dolcetto, ricco di carboidrati semplici, svolge un’azione distensiva, analogamente a  infusi e tisane a base di erbe dolcificati con miele, che inducono un’atmosfera di relax e di tranquillità che predispone al sonno.

Vale la pena sottolineare due ulteriori due aspetti, prettamente legati al buonsenso: evitare durante la sera pasti “pesanti” e limitare il consumo di cibi ricchi di sodio e sostanze eccitanti,  quali spezie (es. curry, pepe, paprika), caffè, the, cacao e superalcolici.

Ecco in sintesi un breve decalogo per un buon riposo (*)

–  Dormire solo il tempo sufficiente per un’adeguata efficienza nel giorno successivo

–  Coricarsi a orari regolari la sera e alzarsi sempre alla stessa ora al mattino

–  Non recuperare il sonno con sonnellini pomeridiani

–  Svolgere un moderato esercizio giornaliero, ma non nelle ore precedenti il sonno

–  Non dormire in ambienti troppo rumorosi, né troppo caldi, né troppo freddi

–  Non assumere cronicamente pillole per dormire

–  Non assumere sostanze stimolanti la sera

–  Non bere alcolici la sera

–  Andare a letto solo se si ha sonno

–  Non svolgere attività mentali troppo impegnative

–  Utilizzare il letto solo per dormire

(*) Consensus Italiana dei medici di medicina generale,  Dis. Manage Health Outcomes 2005; 13 Spec. Issue 1:3-33