INTEGRATORI ALIMENTARI PER LA SALUTE DELLA DONNA

a cura della dottoressa Angelica Pizzolante

Le donne rappresentano il 51 % della popolazione italiana. Il benessere psicofisico della donna e dell’uomo passa da un corretto stile di vita, ovvero sana alimentazione e regolare attività fisica.
In particolare, la vita di una donna è caratterizzata da diversi stati fisiologici, i quali richiedono attenzioni e modalità di approccio differenti. Lungo il suo percorso di vita, la donna affronta variazioni ormonali: ciclo mestruale, gravidanza, allattamento e menopausa.
È pertanto necessario prestare una specifica attenzione a soddisfare le sue necessità nutrizionali, in modo da mantenere una condizione di benessere generale.
Durante la menopausa, ad esempio, alcune donne accusano dei disturbi per i quali esistono cure e rimedi utili a garantire loro una buona qualità di vita.
Alcuni sono sintomi tipici della carenza estrogenica come sintomi vasomotori, disturbi del sonno, disturbi del trofismo urogenitale quali irritazione, secchezza vaginale, disturbi della minzione. Altri disturbi psicologici ed emotivi, quali ansia, irritabilità, umore depresso, ridotta capacità di concentrazione, senso di fatica ecc., non sono invece esclusivamente riconducibili alla carenza estrogenica.
Le modificazioni dell’immagine corporea, con l’atrofia cutanea, l’aumento ponderale e la distribuzione addominale del grasso corporeo, di tipo androide, sono in parte legate alla carenza di estrogeni e possono avere ripercussioni negative nella vita sociale delle donne.
In natura troviamo alcune sostanze che contrastano quanto più possibile i disturbi neurovegetativi delle donne in peri- e post-menopausa. Tra le sostanze naturali più valutate meritano una particolare menzione isoflavoni della soia, estratto di magnolia, lattobacilli, vitamina D e calcio. In particolare, sostanze quali la vitamina D e il calcio sono molto conosciute per le loro attività sulle ossa e quindi nella prevenzione di osteopenia e successivamente, osteoporosi .
Un sintomo fastidioso che spesso si associa alle vampate in un gran numero di donne è rappresentato da uno stato d’ansia che spesso induce un profondo stato di prostrazione psicologica. Questa condizione è spesso correlata anche a un senso di stanchezza e astenia, con un peggioramento della qualità del riposo e una diminuzione delle ore effettive di sonno. Per quanto riguarda questo sintomo sono ben conosciute le spiccate proprietà anti-ansiogene dell’estratto di magnolia, che ha virtù tranquillanti e rasserenanti senza però provocare sonnolenza nelle ore diurne, e che soprattutto risulta privo di quegli effetti collaterali che caratterizzano gli ansiolitici . L’impiego di tali prodotti deve avvenire in modo consapevole e informato sulla loro funzione e le loro proprietà, per risultare sicuro e utile.

È necessario consultare preventivamente lo specialista nel caso in cui:
– non si gode di buona salute.
– si è in trattamento con farmaci, per essere sicuro che non ci siano controindicazioni o possibilità di interazioni.

La Bardana, amica della pelle, nemica dell’acne

 

a cura di Antonello Sannia, Presidente della Società Italiana di Medicina Naturale

 La pelle non costituisce soltanto l’involucro del nostro organismo ma svolge diverse funzioni: difesa, termoregolazione, escrezione, riassorbimento, regolazione omeostatica e sensoriale. Questa molteplicità di aspetti ricorda quanto sia importante avere una pelle sana, in grado di proteggere il nostro corpo da fattori ambientali di tipo fisico (ad esempio, danno da calore), chimico (es. allergeni) e biologico (es. batteri, virus). La cute, inoltre, forma l’apparato tegumentario, il più grande organo del corpo umano, trattandosi di una membrana fortemente elastica che riveste l’intera superficie del corpo (circa il 10% della massa totale).

La pelle è un organo, ma è anche un abito, come lo descrivono molti psicoterapeuti, caratterizzata da un forte legame tra emozioni e disturbi dermatologici, come l’acne: un’infiammazione dei follicoli pilosebacei che si manifesta principalmente con la comparsa del cosiddetto brufolo. Prima si formano i comedoni (i punti neri), poi si formano le papule o pustole (brufoli). Le lesioni dell’acne si localizzano al volto, collo, torace e dorso. Pur non essendo un disturbo grave, l’acne, quando si verifica in forma severa, può indurre cicatrici inestetiche e permanenti. Sia l’acne sia le cicatrici derivate possono influenzare in modo negativo la psiche: la cute è la prima finestra sul mondo.

Alcuni principi che ci regala la natura, come la Bardana, possono essere un buon alleato contro l’acne, grazie alla sua azione coadiuvante il fisiologico benessere della pelle e per le sue proprietà depurative.

Cos’è la Bardana?

La Bardana (“Arctium Lappa”), appartiene alla famiglia delle Asteracee e cresce spontanea nei campi incolti e al margine dei fossi in tutta l’Europa continentale. Si utilizza la radice, raccolta in autunno o in primavera. È una pianta ricca di fruttani, il principale dei quali è rappresentato dall’inulina, che può arrivare fino al 50%. Contiene anche due glucosidi, uno detto lappatina e l’altro denominato arctina B, mucillagini e una certa quantità di olio essenziale. È inoltre discretamente ricca di vitamine del gruppo B.

Antonello Sannia, Presidente della Società Italiana di Medicina Naturale, presenta alcuni studi su questa pianta, sottolineando che risulta essere particolarmente indicata in alcune forme di infiammazione della cute, acne giovanile, dermatiti:

“Il primo studio ha valutato l’azione antibatterica di un estratto di bardana su alcuni batteri e funghi quali Stafilococchi, Streptococchi e Candida e anche la sua eventuale tossicità sui macrofagi, cellule assai importanti del sistema immunitario – sottolinea. Si è visto che l’estratto di bardana riduce la vitalità e la proliferazione dei batteri e dei funghi, senza incidere sulla loro sopravvivenza. La produzione da parte dei macrofagi dei fattori di infiammazione veniva ridotta dall’estratto in modo significativo (De Oliveira J.R. et al. Control of microorganisms of oral health interest with Arctium lappa L. (burdock) extract non-cytotoxic to cell culture of macrophages (RAW 264.7). Arch Oral Biol. 59(8):808-14. doi: 10.1016/j.archoralbio.2014.05.013, 2014)

Un secondo studio clinico osservazionale ha valutato l’efficacia di un estratto di bardana nel trattamento dell’acne volgare. Sono stati arruolati 34 pazienti, che assumevano per bocca l’estratto per 6 mesi, misurando il numero delle lesioni acneiche e altri due parametri valutativi quali Global Acne Grading System (GAGS) e Acne-Specific Quality of Life questionnaire (Acne-QoL). Si è visto che l’estratto migliorava significativamente tutti i parametri esaminati e ha confermato l’utilità nel trattamento dell’acne volgare. (Miglani A. et al. Observational study of Arctium lappa in the treatment of acne vulgaris. Homeopathy. 103(3):203-7. doi: 10.1016/j.homp.2013.12.002, 2014)

  • Infine un ulteriore studio ha valutato l’effetto di un estratto di foglie di bardana sulla capacità adesiva, sulla proliferazione e sulla virulenza del batterio Pseudomonas aeruginosa. Nei soggetti sani,  aeruginosaè considerato un patogeno opportunista di alta virulenza che può colonizzare la cute, l’orecchio esterno, le vie respiratorie. Si è osservato che l’estratto inibisce la virulenza e la proliferazione di questo batterio” .( Lou Z. et al. The effect of burdock leaf fraction on adhesion, biofilm formation, quorum sensing and virulence factors of Pseudomonas aeruginosa. J Appl Microbiol. 2017 Mar;122(3):615-624. doi: 10.1111/jam.13348, 2017.).

 

Gli impegni di Integratori Italia

INTEGRATORI ITALIA fa parte di Unione Italiana Food, aderente a Confindustria, e rappresenta gli interessi del settore degli integratori in Italia.
COME?
· Aggiorna e anticipa il futuro quadro politico e legislativo per essere pronti al cambiamento
· Favorisce il confronto e l’allineamento su posizioni comuni delle aziende che operano a livello nazionale ed europeo
· Dialoga con le istituzioni nazionali ed europee per influenzare in modo incisivo le decisioni future
· Dialoga e si coordina con il mondo scientifico, con i professionisti della salute come Farmacisti e Medici, e le Associazioni consumatori
INTEGRATORI ITALIA è da sempre attiva nel sostenere lo sviluppo di un quadro normativo nazionale ed europeo, che risponda alle aspettative degli operatori, fermo restando i più elevati standard di tutela del consumatore.

GLI INTEGRATORI, UN AIUTO DALLA NATURA A SOSTEGNO DELL’ORGANISMO NELLA STAGIONE INVERNALE

a cura della dottoressa Angelica Pizzolante

Per difendersi meglio dal freddo rigido, dalle gelate, e dai conseguenti malanni di stagione, oltre agli indumenti pesanti anche la buona tavola è un efficace alleato.

Ecco qualche consiglio:

– scegli gli alimenti ricchi in vitamina C come kiwi, arance, spinaci, limone, broccoli e cavoli poiché aiutano la normale funzione del sistema immunitario e contribuiscono a ridurre gli stati di stanchezza e affaticamento1

– scegli le spezie, in particolare lo zenzero per la sua attività antiossidante ed antinfiammatoria2

Gli integratori alimentari, coadiuvando il benessere dell’organismo e supportandolo in alcuni periodi di particolare affaticamento o stress, possono rappresentare un alleato valido e sicuro per integrare la dieta, favorendo l’assunzione ottimale di una o più sostanze particolarmente utili in questa stagione. Ecco alcune indicazioni utili dalla Società Italiana di Medicina Naturale (www.simn.org):

Influenza3

 

E’ un’infezione virale che colpisce prevalentemente l’apparato respiratorio. I sintomi tipici sono febbre, astenia, scarso appetito, raffreddore, tosse con o senza espettorato e dolori articolari e muscolari diffusi. La natura ci viene in soccorso con una grande ricchezza di principi. Solo per citarne alcuni:  la Boswellia serrata (Boswellia), la Malpighia punicifolia (Acerola), il Ribes nigrum (Ribes nero), la Rosa canina, la propoli, il Salix alba (Salice), l’uncaria tormentosa (Uncaria).

Sinusiti3

Sono malattie infiammatorie del naso causate da batteri, virus o funghi. I sintomi tipici: prurito, bruciori, congestione nasale accompagnata da difficoltà nella respirazione e secrezione nasale più o meno abbondante. Talvolta può esserci febbre.  Tra i principi utili troviamo: l’Echinacea), l’Acerola, il Tilhymus species (Timo).

Tosse3

È in genere causata da un’infiammazione dei bronchi, a causa di infezioni batteriche o virali, che insorgono di norma durante nella stagione fredda. La tosse può essere più o meno insistente, secca – cioè con scarso espettorato – o produttiva, cioè accompagnata dall’emissione di catarro. Una concausa importante è rappresentata dal fumo di sigaretta. Anche in questo caso, la natura viene in aiuto con un ampio ventaglio di principi utili, tra cui l’Althaea officinali
(Altea), la Glycyrrhiza glabra (Liquirizia), la Malva officinalis (Malva), Il Papaver rhoeas (Papavero rosso),  la Polygala virginiana (Poligala), il Pinus species (Pino di varie specie), la propoli.

Concludiamo ricordando che questi principi possono essere anche alla base di integratori, che è bene ricordare che non devono essere considerati come sostituti di una dieta varia ed equilibrata né di uno stile di vita sano; possono invece favorire la salute e il benessere dell’organismo in particolari situazioni stagionali, con la condizione di assumerli consapevolmente, seguendo le indicazioni segnalate nella confezione e, in caso di dubbi, chiedendo consiglio ad un professionista della salute.

Profilo Integratori Italia

Integratori Italia fa parte di Unione Italiana Food, che rappresenta 450 imprese e oltre20 settori merceologici, che danno lavoro a 65.000 personee sviluppano un fatturato di oltre 35 miliardi di euro.  Unione Italiana Food aderisce a circa 28 organizzazioni europee e internazionali, mentre a livello nazionale aderisce a Confindustria.  Per il settore integratori a livello europeo aderisce a Food Supplements Europe (www.foodsupplementseurope.org) e a livello internazionale alla International Alliance of Dietary/Supplement Associations (www.iadsa.org).

Integratori Italia rappresenta il settore degli integratori alimentari e dei prodotti salutistici. La sua missione è quella di contribuire alla crescita della conoscenza, del corretto utilizzo e della qualità dell’integratore alimentare, per favorire scelte sempre più consapevoli del consumatore e lo sviluppo di questo settore in Italia.

L’associazione ha guidato l’industria italiana contribuendo alla crescita professionale e tecnico-legale in questo ambito, per sostenere lo sviluppo del comparto e migliorare la conoscenza degli integratori alimentari attraverso:

  • una corretta comprensione ed un consenso sul ruolo positivo degli integratori da parte del mondo scientifico, istituzionale e consumeristico;
  • lo sviluppo di un quadro normativo nazionale/comunitario in linea con l’evoluzione delle conoscenze scientifiche , a garanzia dei più elevati standard di tutela del consumatore;
  • la presenza di prodotti sul mercato in linea con la legislazione europea e italiana;
  • una corretta e trasparente comunicazione e promozione dell’integratore alimentare.

Su questo fronte Integratori Italia è da sempre impegnata per rispondere ai bisogni di informazione attraverso la realizzazione di strumenti sviluppati in collaborazione con qualificati esperti, tra cui due Libri Bianchi sugli Integratori Alimentari, il sito integratoriebenessere.it, la pagina FB Integratori e Benessere, dossier scientifici, ricerche sociologiche e una continua attività di informazione al consumatore, che vede anche una collaborazione continuativa a fianco dell’Unione Nazionale Consumatori.

UNA DIETA PER OGNI STILE DI VITA – A CURA PROF. ANDREA STRATA

La buona salute inizia dalla tavola e le scelte alimentari sono alla base del nostro benessere.

Il regime alimentare non deve mai essere “punitivo” e deve rispettare, lo stile di vita e le preferenze della persona. E’ importante quindi attuare scelte intelligenti e razionali dei vari alimenti, senza penalizzare troppo la composizione dei pasti.

Un’ alimentazione equilibrata e corretta dovrebbe fornire una quantità di calorie giornaliere così ripartite:

  • 16% proteine (sia animali che vegetali)
  • 29% lipidi (privilegiare quelli di origine vegetale e quelli insaturi, come l’olio di oliva)
  • 55% da carboidrati (pasta e pane, principalmente)

senza dimenticare l’importantissimo apporto delle fibre, delle vitamine e dei sali minerali, contenuti nella frutta, nella verdura e nei legumi.

E’ consigliabile una costante variazione dei diversi alimenti, sia al fine di realizzare un “bilanciamento” settimanale dell’apporto dei vari nutrienti. Anche i sistemi di cottura dei cibi hanno un ruolo fondamentale. Sono preferibili le cotture al vapore, alla griglia, al cartoccio.

Nei casi in cui fosse necessaria una riduzione ulteriore dell’introito calorico, è possibile sostituire lo zucchero con dolcificanti intensivi come saccarina, aspartame, ciclammato o con altri prodotti che contengono questi composti in associazione.

L’uso dell’acqua è libero ed anzi consigliato in abbondanza, almeno 1.5-2 litri al giorno. E’ suggerito l’utilizzo di bevande analcoliche nelle versioni “light”. Per quanto riguarda il vino, l’apporto energetico corrisponde a circa 80 Kcal ogni 100 ml, perciò 2 bicchieri da 125 ml, pari a 250 cc, sono circa 200 Kcal. Birra: la birra fornisce circa 35 Kcal ogni 100 ml, per cui ogni lattina da 330 ml corrisponde a circa 115 Kcal.

ANGELICA PIZZOLANTE

Dott.ssa Angelica Pizzolante
Dietista ANDID

Ha conseguito la laurea in Dietistica con valutazione 110/110 e lode presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Siena ed un master in Nutrizione e Fitness Sportivo dell’Università degli Studi di Milano.
È iscritta all’Associazione Nazionale Dietisti (ANDID).
Frequenta continui corsi di aggiornamento e ha diverse collaborazioni divulgative nel campo della nutrizione e dietetica.
La dottoressa svolge la sua professione da libera professionista e da dipendente in strutture pubbliche per trasmettere la sana alimentazione attraverso l’educazione alimentare, il corretto abbinamento degli alimenti e la scelta più consapevole di ciò che portiamo a tavola.
Con la dottoressa Pizzolante Angelica non si parla di “DIETA” intesa come sacrificio, grammi, calorie e peso ideale, ma con lo stare bene con se stessi, il quale passa attraverso la corretta alimentazione, giusto movimento e la cura di sé.