Al via la terza edizione della campagna informativa sugli integratori alimentari, promossa da Integratori Italia e Unione Nazionale Consumatori: mai come quest’anno le parole d’ordine sono autorevolezza e corretta informazione

Vitamina D, integratori nelle fasi della vita e microbioma sono i temi al centro dell’attenzione dell’edizione 2020.

Prosegue anche quest’anno la collaborazione tra Integratori Italia, parte di Unione Italiana Food e l’Unione Nazionale Consumatori, nata per fornire una “bussola” per permettere ai consumatori di orientarsi nel mondo degli integratori alimentari, ed evitare le notizie parziali o addirittura fake.

In particolare, l’edizione 2020 è incentrata su alcune categorie di integratori alimentari, come la vitamina D e i probiotici in relazione al microbiota intestinale e ad un corretto utilizzo degli integratori in rapporto alle diverse fasce d’età.

Tre temi su cui i consumatori hanno spesso dimostrato interesse, all’interno di un mondo molto vasto e variegato come quello degli integratori. A tal fine, saranno realizzati tre videografiche informative che saranno condivise attraverso i canali social e gli altri strumenti di comunicazione di UNC e verrà attivata una campagna di approfondimento sul profilo FB di Unione Nazionale Consumatori e attraverso la newsletter  e il sito internet della prima associazione dei consumatori in Italia.

Dopo la prima fase, i video saranno disponibili anche sul sito www.integratoriebenessere.it e sulla pagina FB Integratori e Benessere.

In particolare, è già online la prima videopillola, sulla vitamina D. “La vitamina D gioca un ruolo importante nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo e nel metabolismo osseo: in sua assenza, il calcio viene assorbito solo per il 10-15%1 spiega il professor Vincenzo De Leo, Direttore UOSA PMA, Dipartimento di Medicina Molecolare e Dello Sviluppo, Azienda Ospedaliera Universitaria Senese. “Attraverso una dieta equilibrata, nella quale siano presenti alimenti fonte di Vitamina D quali ad esempio alcuni tipi di pesce, latte intero, formaggi, fegato animale, olio di fegato di merluzzo, associata all’esposizione al sole, è possibile evitare il rischio di carenza di questa vitamina. Nel caso in cui non ce ne fosse abbastanza, ad esempio nelle persone anziane o in chi è impossibilitato ad esporsi al sole, può essere utile la supplementazione, sulla base delle indicazioni di uno specialista”.

I prossimi temi della campagna saranno legati all’utilizzo degli integratori nelle varie fasce d’età (da quella pediatrica alla terza età) e al ruolo del microbioma intestinale per il mantenimento di una buona salute dell’organismo, in relazione all’uso dei probiotici. Tutti i contenuti derivano dalla “Review sull’integrazione alimentare: evidenze dalla ricerca scientifica e nuove frontiere di sviluppo”, realizzata da Integratori Italia nel 2019 (qui il link).

Integratori Italia da anni è fortemente impegnata a promuovere la conoscenza e il corretto utilizzo degli integratori, elevare la qualità dei prodotti e favorire lo sviluppo di questo settore in Italia “– spiega Alessandro Golinelli, Presidente di Integratori Italia. “Inoltre, è particolarmente importante, in questo momento storico dove spesso sul web si rilevano fake news rispetto alle quali a volte il consumatore fatica a districarsi, che venga fatta una corretta informazione sugli integratori e il loro ruolo a supporto di una alimentazione equilibrata.

“Veniamo da un periodo difficile per i consumatori in cui da una parte è aumentata l’attenzione su tutti i temi relativi alla salute, ma dall’altra, vediamo il proliferare di informazioni poco chiare se non fallaci, aggravate dal moltiplicarsi di sedicenti esperti senza alcun titolo -afferma Massimiliano Dona, Presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. Per questo motivo teniamo a campagne di informazione come questa che mirano a dare le risposte ai più diffusi dubbi dei consumatori sul tema degli integratori con il contributo di autorevoli esperti. È fondamentale, infatti, ricordare sempre l’importanza di rivolgersi a professionisti della salute e acquistare farmaci su canali affidabili”.

La collaborazione tra UNC e Integratori Italia, avviata nel 2013 con la realizzazione della APP Integratori Alimentari, a tutt’oggi scaricabile sia dal sito di UNC che dai principali APP store, rappresenta ormai un appuntamento consolidato per tutti coloro che vogliono informarsi in maniera semplice e corretta su un tema di grande attualità. Nel 2018 la campagna era focalizzata

corretto degli integratori (https://www.consumatori.it/wp-content/uploads/2018/05/UNC_Guida_L-uso-corretto-degli-integratori.pdf) e nel 2019 sulle fake news nell’era digitale (https://www.consumatori.it/comunicati-stampa/salute-campagna-informazione-integratori/).

1 Si veda anche “Linee guida 2018 su una sana alimentazione” a cura del CREA

Bibliografia

  • Holick MF. Vitamin D deficiency. N Engl J Med. 2007;357(3).
  • Ströhle A,Wolters M , Hahn A. Micronutrients at the interface between inflammation and infection–ascorbic      acid and calciferol. Part 2: calciferol and the significance of nutrient supplements. Inflamm Allergy Drug Targets.2011 Feb;10(1):64-74.
  • March, W.A., Moore, V.M., Willson, K.J. et al. (2010) The prevalence of polycystic ovary syndrome in a community sample assessed under contrasting diagnostic criteria. Human Reproduction, 25, 544–551.
  • Kronenberg F. Hot flashes: epidemiology and physiology. Ann NY Acad Sci. 1990;592:52-86.
  • Ettinger B, Pressman A, Silver P. Effect of age on reasons for initiation and discontinuation of hormone replacement therapy. 1999;6:282-289.
  • Whiting SJ, Langlois KA, Vatanparast H, Greene-Finestone LS (2011) The vitamin D status of Canadians relative to the 2011 dietary reference intakes: an examination in children and adults with and without supplement use. Am J Clin Nutr 94:128–135.
  • March, W.A., Moore, V.M., Willson, K.J. et al. (2010) The prevalence of polycystic ovary syndrome in a community sample assessed under contrasting diagnostic criteria. Human Reproduction, 25, 544–551.
  • Glintborg, D., Andersen, M., Hagen, C. et al. (2005) Higher bone mineral density in Caucasian, hirsute patients of reproductive age. Positive correlation of testosterone levels with bone mineral density in hirsutism. Clinical Endocrinology, 62, 683–691