GLI INTEGRATORI A SOSTEGNO DELL’ORGANISMO NELLA STAGIONE ESTIVA

pizzolante_foto[3]

a cura della dottoressa Angelica Pizzolante

Con l’arrivo della bella stagione si presentano i disturbi alle gambe: senso di pesantezza, tendenza al gonfiore delle caviglie, indolenzimento e formicolio.
Le gambe soffrono a causa della stasi venosa, cioè del ristagno del sangue nelle vene. Se le vene perdono elasticità, tono e le valvole venose non funzionano a dovere, il sangue che dai piedi risale verso il cuore può refluire verso il basso dando origine ad un sovraccarico venoso. In queste condizioni le vene superficiali si dilatano, perdono elasticità e diminuisce la capacità contenitiva delle valvole, incrementando ancora il ristagno. Con il caldo, questo disturbo si accentua innescando un vero e proprio circolo vizioso.

Per diminuire il rischio di incontrare disturbi di circolazione sanguigna è necessario puntare sulla prevenzione attraverso un corretto stile di vita costituito da sana alimentazione, regolare attività fisica e corretta idratazione. In particolare, privilegiare gli alimenti ricchi di:

Antiossidanti come frutta e verdura poiché agiscono sul tono e sull’elasticità dei vasi e dei capillari;
– Vitamina C come kiwi, pomodori, limone, fragole. La loro azione antinfiammatoria protegge i vasi sanguigni;
– Vitamina A come carota, pesca, albiococca, peperoni, i quali migliorano la circolazione;
– Omega 3 come sgombro e alici che svolgono un’azione preventiva sulla salute delle vene.
Inoltre, è bene evitare indumenti molto stretti, scarpe scomode o con tacchi troppo alti, stare troppo tempo seduti o in piedi.
Anche la Natura ci viene in aiuto. Di seguito una lista di piante amiche della circolazione delle gambe:

CENTELLA (Centella Asiatica) migliora l’elasticità e la robustezza della parete vasale alleviando i problemi della circolazione venosa.

IPPOCASTANO (Aesculus Hippocastanum) favorisce i fenomeni di vasocostrizione e migliora il tono venoso; è anche un antinfiammatorio e decongestionante, indicato per il trattamento degli stati edematosi.

MIRTILLO NERO (Vaccinium myrtillus) riduce i danni ai capillari artero-venosi, la loro permeabilità e ne aumenta l’elasticità e la robustezza. Inoltre, favorisce il benessere delle cellule endoteliali, cioè lo strato più interno dei vasi sanguigni, ed incrementa il flusso sanguigno nei capillari interessati.

VITIS VINIFERA (Vite da vino) ha un’azione venoprotettiva, venotonica e protettiva sui capillari. Inoltre, migliora la velocità di scorrimento del flusso del sangue comportando una più forte ossigenazione dei tessuti.

Concludiamo ricordando che questi principi possono essere anche alla base di integratori, i quali non devono essere considerati come sostituti di una dieta varia ed equilibrata né di uno stile di vita sano; possono invece favorire la salute e il benessere dell’organismo in particolari situazioni stagionali, con la condizione di assumerli consapevolmente, seguendo le indicazioni segnalate nella confezione e, in caso di dubbi, chiedendo consiglio ad un professionista della salute.